Scritto da Admin
24 nov 2010

Articolo scritto da Andrea Grassi
I QR-Code stanno diventando sempre più diffusi. Sono apparsi sulle pagine pubblicitarie e ho iniziato a vederli spesso anche su manifesti pubblicitari.
A mio parere, sono uno strumento molto potente per fare comunicazione in una modalità che permette di coinvolgere maggiormente il proprio target.

Qualche giorno fa ho scoperto l’ennesimo progetto, che trovo molto interessante e utile per capire quante strade possono aprire questi codici a barre bidimensionali.

Faccio un passo indietro.

Il QR-Code è un codice a barre bidimensionale, con una struttura a matrice. Viene utilizzato per memorizzare al suo interno delle informazioni. La lettura avviene tramite la fotocamera di un telefono cellulare o di uno smartphone e software dedicati.
Il nome deriva da Quick Response Code, tali codici infatti sono in grado di inviare una Risposta Rapida: il software, attraverso una foto fatta dal proprio telefono cellulare, permette di visualizzare immediatamente sullo schermo le informazioni memorizzate all’interno del codice.
I QR-Code si trovano ormai ovunque: pagine pubblicitarie, manifesti, etichette di abbigliamento, prodotti alimentari, inserzioni, riviste, biglietti da visita, magliette…le applicazioni sono infinite!

Torniamo all’attività di comunicazione di cui parlavo.
A Mosca l’operatore MTS ha coinvolto il proprio target in una campagna finalizzata a promuovere Red Energy, un particolare piano telefonico.

La campagna non era altro che una coinvolgente caccia al tesoro per le strade di Mosca.
Tutto è iniziato alla stazione della metro di Paveletskaya nella quale era stato piazzato, senza tante spiegazioni, il primo di una serie di QR-Code. Fotografando il codice si ricevevano le istruzioni: l’obiettivo consisteva nell’essere i primi, ogni settimana, a scoprire la posizione di tutti e 7 i QR-Code. Ad ogni codice era associato un enigma, risolto il quale si recuperavano degli indizi per individuare quello successivo.
Il vincitore settimanale otteneva dei premi brandizzati Red Energy.

Il risultato? Letteralmente migliaia di persone alla ricerca dei QR-Code che parlavano di Red Energy e MTS. L’effetto passaparola è stato ovviamente eccezionale! Costi? Praticamente nulli, e comunque trascurabili, se paragonati all’advertising classico.

Sorprendete? Non credo!
Furbo? Sicuramente!

Le persone hanno i telefoni con sè 24 ore su 24.
L’essere umano è curioso.
E chi rinuncia all’occasione di un po’ di avventura “sotto casa”?
Chi ha messo insieme questo progetto ha semplicemente compreso le abitudini del proprio target e le ha mixate con creatività e tecnologia.

Lo strumento dei QR-Code offre davvero tante possibilità, limitate soltanto dalla creatività di chi le gestisce. Il loro più grande vantaggio non sta nella capacità di trasmettere un messaggio, quanto piuttosto di coinvolgere il target e permettergli di esperire la marca ad un livello completamente diverso.

Complimenti a MTS per la campagna!

Se vuoi vedere il teaser che promuove l’iniziativa clicca qui

Ti sei chiesto come i QR-Code possono diventare uno strumento anche per la tua azienda?

Buon lavoro!

Andrea