Scritto da Admin
25 mag 2009

Murdoch studia micropagamenti per le news su internet

Murdoch studia micropagamenti

Dalle parole ai fatti. Un mese fa Rupert Murdoch aveva annunciato che l’era dell’informazione gratuita sul web era finita. Ora il magnate dell’impero multimediale NewsCorp, dal Wall Street Journal alla Fox News, dal Times di Londra a Sky, ha costituito un squadra di manager, da lui guidata, per mettere a punto una piattaforma che raccolga le notizie contenute nei suoi siti online, cui accedere con un sistema di micropagamaneti per ogni singolo articolo letto.

È quanto ha scritto il New York Post, altra testata della galassia Murdoch, secondo cui della squadra fa parte il figlio James, l’amministratore delegato di Dow Jones Les Hinton e da Jonathan Miller, quest’ultimo ex numero uno di Aol, ora responsabile delle operazioni digitali di NewsCorp.
Secondo le indiscrezioni l’obiettivo è creare un dispositivo ‘proprietario’ simile a ‘Kindlè, il lettore elettronico di Amazon, che contenga le informazioni fornite dal Wall Street Journal e dal New York Post, e anche i prodotti delle divisioni cinematografica e televisiva di NewsCorp.

Così Murdoch ritiene di porre fine al processo di auto-cannibalizzazione che ha finora portato le grandi testate della carta stampata a farsi concorrenza gratis sul web. Finora infatti il teorema che la pubblicità online avrebbe ripagato gli introiti delle mancate vendite in edicola si è rivelata una chimera. Quando due anni fa il tycoon australiano naturalizzato cittadino Usa acquistò il Wall Street Journal aveva deciso di rendere completamente gratuito il sito web della bibbia della finanza, peraltro uno dei pochi a pagamento. Quando però capì, conti alla mano, che la mossa avrebbe portato in rosso il bilancio, fu costretto a una precipitosa marcia indietro. La controprova è fornita dal New York Times, la preda più ambita da Murdoch, che malgrado i 146 milioni di contatti nel 2008 non è riuscito a far fronte alle spese.

Murdoch è corso ai ripari anche attraverso un operazione di ricambio ai vertici dopo l’addio di Peter Chernin come numero due del gruppo: da Aol è arrivato Jonathan Miller come supervisore l’area dei media digitali. Tra l’altro è stato chiamato un veterano di Fox News, John Moody, a guidare una nuova divisione il cui obiettivo è incrementare l’utilizzo di articoli che possano essere utilizzati in contemporanea dalla setssa Fox, dal Wall Street Journal, fiore all’occhiello sul fornte della carta stampata, e del britannico Times.

Presentando i conti del trimestre Murdoch ha detto di non essere interessato a rafforzare ulteriormente il proprio impero con l’acquisizione di quotidiani. Il tycoon, che sembra così volere escludere l’interesse per il New York Times, in seria crisi economica, ha ribadito che il modello tradizionale di quotidiano «deve cambiare».

News Corp ha chiuso il terzo trimestre con un utile netto pari a 2,73 miliardi di dollari, o 1,04 dollari per azione, in progresso rispetto ai 2,69 miliardi dello stesso periodo dell’anno precedente. Il giro d’affari si è attestato a 7,37 miliardi di dollari, al di sotto delle attese degli analisti, che prevedevano 7,65 miliardi. Anche per NewsCorp tagli di costi, senza escludere le tv del gruppo, per fare fronte al calo della pubblicità.
Le concorrenti Time Warner, Disney e Viacom hanno seguito la stessa strada e hanno operato una stretta dei costi oltre a tagli di posti. La controllata Sky Italia ha chiuso il terzo trimestre con un utile operativo pari a 63 milioni di dollari, in calo rispetto ai 97 milioni dello stesso periodo dell’anno precedente.

Fonte: Il sole 24 ore